top of page
  • gretaleardini1994

VASCO ROSSI: "Gli Sbagli Che Fai", la canzone sigla de "Il Supervissuto"


SAVE THE DATE

MERCOLEDI 27 SETTEMBRE

VASCO ROSSI

“GLI SBAGLI CHE FAI”

LA CANZONE SIGLA

DE

“IL SUPERVISSUTO”

SOTTOTITOLO: VOGLIO UNA VITA COME LA MIA

SARÀ DISPONIBILE VIA VIRGIN / UNIVERSAL

SU TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI E IN RADIO

IN CONTEMPORANEA CON IL RILASCIO DELLA

DOCUSERIE IN 5 EPISODI

PER LA REGIA DI PEPSY ROMANOFF,

IN ESCLUSIVA SU NETFLIX

Il brano anticipa la colonna sonora della serie, “Il Supervissuto: “OST”, che sarà disponibile per il pre-ordine in esclusiva su Il Blasco Shop sempre da mercoledì 27 settembre.

“GLI SBAGLI CHE FAI”, la canzone inedita scritta appositamente per la sigla della docu-serie “Il Supervissuto” Sottotitolo: Voglio una vita come la mia, sarà disponibile, via Virgin/Universal, su tutte le piattaforme digitali e in tutte le radio, in contemporanea con il rilascio della serie in esclusiva su Netflix: mercoledì 27 settembre.

L’occasione dunque ha fatto la canzone, in perfetta sintonia con il viaggio intro e retrospettivo che ha vissuto durante le riprese dei 5 episodi.

Per la prima volta Vasco si racconta in prima persona: parla di sé, della sua “straordinaria vita spericolata e supervissuta”, apertamente e liberamente davanti alla telecamera di Pepsy Romanoff. Molto spazio alla musica, le sue canzoni, immortali, seguono passo per passo la sua vita.

“Un selfie lungo 5 ore”, così ha definito Vasco la sua versione dei fatti: un racconto onesto e sincero, tra pubblico e privato, la sua carriera artistica e il suo percorso di vita, dall’inizio a oggi.

Ripensa con affetto a quel ragazzo pieno di sogni che voleva una vita a modo suo, agli errori commessi:

Sono diventato quello che sono grazie anche agli sbagli che ho fatto! “

Sempre a correre, correre

Scappando da che

Sempre a prendere, prendere

che non si sa mai A cercar di correggere gli sbagli che fai

Ho passato una sera con me..” è l’incipit della canzone: “un viaggio all’interno di sè stessi alla ricerca di un “sé” che non esiste, ma è solo un illusione..

Tutto cambia tutto si trasforma, anche noi siamo “un processo” sempre in divenire, come

tutto nell’universo.

È Una canzone sulla condizione umana, alla continua ricerca di un “centro di gravità permanente” che non può esistere e di un senso che non sempre c’è.”

Nella canzone la frase principale arriva verso la fine:

Prendimi la mano e raccontami che niente è impossibile

“Tutti gli artisti fanno questo - spiega ancora Vasco - ti prendono la mano e ti portano in un mondo altro facendoti credere che niente è impossibile”.

L’elogio dell’arte che regala l’illusione di credere. Anche solo con una canzone la mente può scacciare via tutti i pensieri e portarti là dove tutto è possibile.

13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page