top of page
  • francescocaprini

Candidati alle targhe di Rock Targato Italia 2023 - MIGLIOR DISCO

Aggiornamento: 26 lug 2023



Vi presentiamo la “Sestina” con i nomi dei candidati alla Targa del Miglior Disco. correlata da foto e note motivazionali,

Ascoltate i brani, seguite la playlist e scegliete il vs preferito. Com'è lo stato delle cose per la musica rock italiana? La scelta di rendere partecipe il mondo musicale e non solo, è molto importante. Quest'anno le Sestine sono propedeutiche, una buona strada per capire lo stato attuale della scena italiana. Tutti possono votare a condizione di essere iscritti al portale.

Tra competenze e qualità desideriamo essere servizio e comunicazione per tutti coloro che intendono la musica, l'arte e la progettualità musicale, parte integrante e autonoma della creatività artistica! Forza, la vostra competenza e partecipazione ci è di grande aiuto.

Allora fate la vostra scelta e, se desiderate, condividete il messaggio. La partecipazione al voto è aperta a tutti.


Come fare per partecipare ed esprimere la propria scelta?

  1. Entra nel sito

  2. Vedi le categorie e i candidati

  3. Ascolta la play-list con i brani dei vari candidati

  4. Esprimi un voto

  5. Il voto è unico e irrepetibile


Vedi il Programma e vota qui




Baustelle - "Elvis" Dopo una pausa dedicata alle esperienze soliste, i Baustelle tornano sulle scene riesumando l’approccio compositivo dei loro esordi e facendo ciò che gli à sempre riuscito meglio: pop d’autore confezionato con gusto, immediatezza e un approccio narrativo intrigante dal sapore decadente. Una menzione per loro fra i dischi dell’anno era doverosa.


Edda - "Illusion" Un artista che a Rock Targato Italia amiamo fin dagli anni ’80 e che nel suo ultimo album, grazie anche alla produzione di Gianni Maroccolo, è riuscito a tirare fuori al meglio la propria essenza: gran voce e una scrittura tanto spigolosa quanto evocativa accompagnata da schegge di acidità rock e psichedelia sognante. Impossibile non citarlo fra le nostre produzioni preferite degli ultimi dodici mesi.


Ettore Giuradei - "Nevrotica\Politica" Un personaggio unico nel panorama musicale italiano. Cantautore brillante dalla scrittura sempre impregnata di una poetica visionaria e surreale, questa volta spiazza tutti con un album disilluso che snocciola una serie di inusuali talking blues amari e stridenti che si lasciano però accarezzare da una vena di psichedelia folk. Decisamente una degli album più particolari e interessanti dell’anno.


Francesco Setta - "Asteroide" Probabilmente il nome meno noto fra i sei candidati per la targa come disco dell’anno, ma è una scommessa che sentivamo di fare. Un artista che, grazie anche alla produzione di Max Zanotti, ha saputo esaltare la propria abilità nel raccontare storie in modo abrasivo e regalare una visione del mondo densa di sarcasmo attraverso un condensato esplosivo di rock, rap, blues e molto altro. Merita di essere nella sestina.


Galoni - "Cronache di un tempo storto" Un cantautore autentico. Di quelli d’altri tempi, ma con una sensibilità musicale e poetica incredibilmente attuale e soprattutto con uno sguardo lucidissimo che gli permette di raccontare il tempo presente in modo garbato ma estremamente incisivo attraverso canzoni dall’animo folk sognante che non trascurano mai la melodia. Una perla che non poteva mancare nella nostra sestina.


Manuel Agnelli - "Ama il prossimo tuo come te stesso" Su di lui si può dire tutto e il suo contrario ma, quando si sveste dei panni del personaggio e torna a fare musica, riesce a sfoderare un album di alta qualità, dai toni enfatici, impregnato di malessere esistenziale, rock abrasivo e approccio da cantautore oscuro. Non includerlo fra le sei migliori produzioni dell’anno sarebbe stato ingiusto.


(Note a cura di Roberto Bonfanti – Scrittore)

246 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page