top of page
  • Immagine del redattore Umberto Lepore

Manuel Agnelli al Carroponte: "siamo in tour perché ci piace suonare!". (07/09/2023)

Aggiornamento: 13 set 2023

Press: Vertigo

Ph: Luca Micheli


Ama il prossimo tuo come te stesso è un album forte e irriverente, intenso e commovente. Assolutamente da ascoltare. Le aspettative in merito alla sua presentazione sul palco erano alte e l’agnello le ha pienamente rispettate.

Amante dei musicisti “cazzuti”, per il suo tour estivo del 2023 l’ex frontman degli Afterhours si circonda di un team giovane e frizzante: i forti Little Pieces Of Marmalade (suoi pupilli a XF14), la polivalente Beatrice Antolini e il coinvolgente Giacomo Rossetti (membro dei Negrita da quasi un decennio).

Nella penultima data di questo giro di concerti il rocker milanese giunge al Carroponte portando in scena due ore di spettacolo descritte da una corposa scaletta. Ventisei i brani proposti, nove di questi tratti dall’uscita solista dell’anno scorso e ben sedici invece dalla discografia degli Afterhours, dominati dalla massiccia presenza di Hai Paura Del Buio?

Nel corso della serata godiamo dunque di una parentesi di classiconi tra i più sfrontati della band lombarda (Germi, Veleno, Male Di Miele, Dea, Lasciami Leccare L’adrenalina, Non Si Esce Vivi Dagli Anni 80, Ballata Per La Mia Piccola Iena, Bungee Jumping, Bye Bye Bombay) e un gruppo di pezzi dai tocchi invece più delicati (Strategie, Padania, Voglio Una Pelle Splendida, Non È Per Sempre, 1.9.9.6, Ci Sono Molti Modi).

E ovviamente il grande manifesto, Quello Che Non C’è.



Da sottolineare, a metà serata, la toccante versione di New Dawn Fades dei Joy Division in dedica ai compianti Luca Bergia dei Marlene Kuntz e Cecio dei Massimo Volume, recentemente scomparsi: come lui, all’interno dei loro gruppi, si sono impegnati nel fare musica proponendo qualcosa di diverso, scomodo, nuovo, nemico del mainstrem discografico.

A Manuel piace suonare per passione, per sé stesso, per la gente. A 57 anni ruggisce sul palco alla grande, forte di una profonda voce in grado di viaggiare su atmosfere tanto grezze e rockeggianti alla chitarra quanto pulite e cantautorali al pianoforte.

Rabbioso ed energico, si conferma una delle più importanti figure del rock italiano, probabilmente il pilastro principale della nostra corrente alternative. Un leone indomabile.



Umberto Lepore

@thesound.ofbeauty

108 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page